Anche il finanziere miliardario Carl Icahn si oppone a Michael Dell

Rassegna Stampa –

Carl Icahn si oppone all’operazione di LBO che valuta Dell 24,4 miliardi di dollari e porterebbe Dell al delisting.

La conclusione dell’accordo per il progetto di controllo su Dell da parte dal suo CEO e fondatore, Michael Dell, in associazione con il fondo Silver Lake non raccoglie il consenso unanime degli azionisti.
Dopo Southeastern Asset Management, principale azionista indipendente di Dell, anche il finanziere miliardario Carl Icahn, che detiene dal 5 al 6 per cento delle azioni della multinazionale americana, ha dichiarato che l’offerta sottostima il valore della società e porta benefici unicamente a chi l’ha iniziata.
Carl Icahn minaccia Dell di anni di contenzioso.

L’accordo reso noto da Michael Dell e Silver Lake riguarda un’operazione di buyout LBO che conduce a una valutazione di Dell di 24,4 miliardi di dollari ,ossia 13,65 dollari per azione, in vista del ritiro dalla quotazione del terzo fabbricante mondiale di personal computer. In una lettera inviata al consiglio di amministrazione della società , Carl Icahn si oppone a questo progetto e propone come alternativa una ricapitalizzazione del gruppo.

Per attuarla è disposto , attraverso una sua holding, a finanziare Dell per 2 miliardi di dollari , mentre apporterebbe personalmente altri 3,25 miliardi di dollari. L’obiettivo di questa e altre manovre finanziare collaterali porterebbe il valore dell’azione a 22,81 dollari con un incremento del 67 per cento rispetto al prezzo offerto e il mantenimento della quotazione del titolo a Wall Street.
In appoggio all’offensiva l’azionista ha minacciato anni di liti giudiziarie contro gli amministratori del gruppo se parteciperanno all’operazione di ritiro dalla Borsa preconizzata da Michael Dell.

Da parte sua il comitato speciale del consiglio di amministrazione ha riaffermato che le vendita è la migliore alternativa per gli azionisti . Sul piano formale la procedura di ricerca aperta di un’alternativa all’offerta termina il 22 marzo prossimo.

www.techweekeurope.it – 10 marzo 2013

Pubblica i tuoi commenti