Dell guarda al futuro con ottimismo

Rassegna Stampa –

L’azienda ha presentato i risultati del 2012 e annunciato le strategie che intende mettere in atto nel corso del nuovo anno.

Nonostante l’economia in questo momento non risplenda particolarmente, Dell rappresenta un’industry che soffre meno di altre e lo dimostra il fatto che il 2012 è stato comunque un anno in cui l’azienda ha guadagnato valore, a livello mondiale, sotto il profilo dei server.
È importante però sottolineare che c’è stata una discesa delle vendite. Dunque, si è concretizzato l’investimento attraverso una trasformazione da volume a valore: espansione dell’offerta di tecnologie, soluzioni e servizi, mobilità, Storage e cloud computing sono i punti cardini su cui l’azienda si è concentrata.

Il 2012 è stato un anno
caratterizzato da molte acquisizioni strategiche, nello specifico si parla di 12 società in ambito Storage e networking che hanno permesso a Dell di diventare fornitore di soluzioni a 360 gradi nel mondo dell’lnformation Technology e, più in particolare, in ambito software e cloud.

«In generale – ha sottolineato Filippo Ligresti, country manager di Dell Italia – la contrazione dei volumi è stata molto forte in Italia e in tutta Europa, ma non solo. La parte enterprise ha comunque ottenuto una buona performance con una market share che ha guadagnato +9 punti. Dal lato client, invece, si è avuto un impatto
negativo e, per effetto della contrazione dei consumi, è stato più forte in Italia rispetto agli altri mercati».

La filosofia di Dell è caratterizzata dalla volontà di riuscire a costruire soluzioni tecnologiche che siano capaci, scalabili, potenti e che si basino su architetture aperte, oltre che su costi ragionevoli. Unicità e diversificazione sono le due parole chiave dell’azienda che ha la consapevolezza di essere forte su tutti e quattro gli asset:
software (5-8 per cento), servizi (15 per cento), enterprise e client, che rappresenta il 50 per cento del fatturato.

Molto importanti sono anche i nuovi progetti.
«Prossimamente – ha concluso Ligresti – verrà lanciata una serie di offerte client in grado di sfruttare al meglio Windows 8. Anche per quanto riguarda l’area server ci sono novità in vista che si concentreranno principalmente sull’elemento della convergenza e l’ambito cloud, che sarà protagonista di annunci significativi, grazie anche a nuove partnership. L’idea è quella di offrire, attraverso la Rete, servizi specifici e a valore e il canale risulta essere un fattore determinante in questa trasformazione; si cerca di generare la domanda per poi collaborare con i business partner. Da evidenziare che in Italia più della metà del fatturato si genera proprio attraverso il canale».

Top Trade Informatica – Marzo 2013

Pubblica i tuoi commenti