Gruppo Viasat promuove la crescita migliorando l’efficienza informatica

Dell_logo_2010Fondata nel 1974, Viasat fornisce tecnologie di localizzazione satellitare dei veicoli a circa 400.000 clienti in tutta Europa.
Ai clienti del settore assicurativo e a quelli che dispongono di flotte di veicoli, Viasat offre servizi basati sulla posizione che tengono traccia dell’ubicazione precisa e del chilometraggio percorso dai loro veicoli.
Le tre centrali operative di Torino, Roma (di proprietà) e L’Aquila (una in outsourcing con addetti di un istituto di vigilanza) sono attive 24 ore su 24, 365 giorni l’anno, garantendo tempi di risposta rapidi, continuità aziendale assoluta e un servizio di alto livello.

Tali attività comportano un carico di lavoro non indifferente che, per mantenere gli elevatissimi standard qualitativi dell’azienda, mette a dura prova l’ambiente IT del gruppo. In considerazione di ciò, i dirigenti di Viasat preventivano un rinnovamento completo delle risorse informatiche ogni 3-4 anni per adeguarle alle mutate esigenze dell’attività e per mantenerle al passo con le tecnologie emergenti.
Inoltre, per i prossimi anni si prevede una crescita rapida ed esponenziale dei mercati target”, spiega Ettore Priale, IT Infrastructure Manager, Servizi telematici, gruppo Viasat, “e noi dobbiamo essere certi che le nostre infrastrutture informatiche siano in grado di affrontarla”.

Alla ricerca di una proposta migliore
L’attuale soluzione impiegata, basata su tecnologie di diversi fornitori, non soddisfaceva più le esigenze di Viasat. Oltre ad avere prestazioni non sempre rispondenti alle attese, non garantiva la continuità aziendale perché i dati dovevano essere replicati manualmente, con conseguente lentezza dei tempi di recupero.

Poiché la vecchia infrastruttura non era virtualizzata, aggiungere una nuova macchina significava acquistare, installare e configurare hardware, il che poteva richiedere anche tre giorni. Le operazioni di Viasat impiegano le risorse informatiche in modo massiccio. Le sue attività normalmente comportano un carico sulle CPU del 30%, rispetto al 5% di un carico standard. Circa 500.000 dispostivi si connettono ai server Viasat ogni ora, e tutti questi dati devono essere elaborati e archiviati in un database in tempo reale. Per la gestione delle flotte, Viasat mette a disposizione dei clienti un portale Web che fornisce loro visibilità in tempo reale di tutti i veicoli e dei relativi dati di consumo di carburante. E tutte queste operazioni devono essere completate entro scadenze precise. “Di conseguenza, i nostri requisiti per questo rinnovamento dell’infrastruttura erano solidità, scalabilità per sostenere la nostra crescita e continuità aziendale per mantenere livelli di servizio e prestazioni”, racconta Priale.

Priale e il suo team presero in considerazione soluzioni di HP, IBM, EMC e Fujitsu Siemens, ma presto si resero conto che Dell offriva una soluzione complessiva migliore.

Nelle attività precedenti alla vendita, lo staff Dell dimostrò una competenza tecnica eccezionale”, afferma Priale. “Compresero immediatamente le
nostre necessità e, anziché limitarsi a sciorinare dei dati, allestirono delle dimostrazioni pratiche per provare che la soluzione era la più adatta alle nostre esigenze. Con Dell sapevamo esattamente cosa avremmo acquistato”. Inoltre, avere un referente unico significava, per Priale e il suo team, notevoli vantaggi in termini di efficienza, supporto e facilità di gestione.

Intervento semplice con il minimo disagio
La nuova infrastruttura virtuale comprende quattro server Dell PowerEdge R620 con processori Intel® Xeon®, sui quali sono virtualizzati tre quarti

dell’hardware precedente. Lo storage è costituito da due array principali Dell Compellent SC8000 con processori Intel Xeon, di cui uno a Torino e uno a Roma. I dati sono replicati tra le due sedi sia in modo sincrono che asincrono. Sebbene il personale IT di Viasat fosse nuovo alla virtualizzazione, le operazioni di installazione non avrebbero potuto svolgersi meglio.
La fase più difficile e lunga è stata la migrazione del database essenziale per le operazioni senza eccessive interruzioni del servizio. Con l’aiuto dei Servizi di installazione Dell, Priale e il suo team sono riusciti a migrare completamente tre database con interruzioni del servizio minime, appena percepibili – in totale, non più di due ore. Dell ha fornito anche una preparazione completa per 10 giorni a due membri del personale Viasat.

Prestazioni superiori
Le applicazioni business critical della società di servizi di localizzazione satellitare ora si appoggiano a un’infrastruttura IT che ha prestazioni 6 volte superiori a quelle del sistema precedente. Gli array Dell Compellent SC8000 hanno ampliato la capacità di storage da 25 a 90 terabyte, ma soprattutto, sono cinque volte più veloci ad elaborare i dati. Ciò significa, ad esempio, che è possibile generare report a fini assicurativi in tempo reale: adesso basta mezz’ora per un’attività che prima ne richiedeva più di due.

La cosa che abbiamo apprezzato di più, una volta installata la soluzione, è stato riscontrare effettivamente le prestazioni che ci aspettavamo”, asserisce Priale. “Dell ha certamente mantenuto le sue promesse”.

Sempre in marcia
La continuità aziendale con i clienti è mantenuta. “Le funzioni di replica in tempo reale e di recupero di emergenza del nostro nuovo ambiente fanno sì che nessuno dei nostri clienti riscontri interruzioni del servizio percepibili”, afferma Priale. Nel peggiore dei casi, i tempi di ripristino sono di appena 15 minuti, anche per i servizi più critici, rispetto ai 90 di prima. “Almeno il 99% dei nostri clienti non se ne accorgerebbe nemmeno”, aggiunge Priale.

Pubblica i tuoi commenti